Scuola Primaria
I nostri progetti

PROGETTO EDUCATIVO 2016/2017

PROGETTO EDUCATIVO 2016-2017

DIAMOCI UNA REGOLATA!

Per prendere la giusta direzione

 

INTRODUZIONE

Quest’anno, a conclusione del progetto educativo triennale “La carovana e la stella”, desideriamo proporre ai bambini, alle famiglie e agli insegnanti un percorso parallelo e collaborativo, dove ciascuno si senta interpellato a rispondere ad una richiesta educativa e formativa con responsabilità e consapevolezza.

Dopo aver scoperto la bellezza del camminare insieme in carovana seguendo la stella e aver portato alla luce potenzialità e risorse di ciascuno per il bene di tutti, in questo anno scolastico 2016 – 2017, il nostro viaggio continua attraverso la consapevolezza che per raggiungere la propria meta è necessario seguire le indicazioni date, accettando anche i limiti propri e altrui, per un cammino sicuro che conduca alla piena realizzazione personale.

 

OBIETTIVI

Per raggiungere la propria meta in modo sicuro e sereno è importante avere in mano una buona bussola e una mappa che il cammino stesso ci insegna ad interpretare ed utilizzare. E’ quindi fondamentale conoscere i segnali, attribuire loro un significato, interiorizzarli e metterli in pratica, nella consapevolezza che non rispettarli comporta sempre una conseguenza.

L’obiettivo del cammino educativo si traduce nel capire che in qualsiasi luogo e contesto della vita esistono regole (scritte in un regolamento e non scritte, dettate dal buonsenso), leggi (Costituzione), comandamenti (Vangelo), oltre ad indicazioni e consigli dati dalle figure di riferimento che ci accompagnano (genitori, insegnanti, allenatori, catechisti…).

 

OBIETTIVI PER I BAMBINI

1.            Conoscere i diversi tipi di regole (regole per la sicurezza, regole che servono per imparare, regole che servono per la buona educazione):

·        Attribuire un significato chiaro e condiviso alla parola “regola”

·        Scoprire che alcune regole sono necessarie per condividere uno spazio (aula, cortile, famiglia, oratorio, squadra sportiva…)

·        Scoprire la differenza tra regola e valore (è una regola quando ha una sanzione)

·        Scoprire che esistono regole esplicite scritte in un regolamento e regole implicite, dettate dal buon senso

 

2.            Sperimentare e mettere in pratica la regola:

·        Riconoscere il ruolo, fidarsi e affidarsi alla figura che ci accompagna nel cammino

·        Sapersi assumere la responsabilità dell’osservanza della regola in prima persona e comprendere che il non rispetto della stessa da parte di altri compagni di viaggio non autorizza a fare altrettanto (“ma anche lui…”)

·        Saper riconoscere di aver trasgredito la regola ed ammetterlo

·        Essere consapevoli e saper accettare che il non rispetto della regola comporta inevitabilmente una conseguenza e una sanzione chiara, predefinita e condivisa con i compagni di viaggio, uguale per tutti

 

3.            Interiorizzare e saper applicare la regola:

·        Riconoscere che l’osservanza della regola aiuta a stare bene con se stessi, con gli altri e contribuisce a creare i presupposti per una convivenza sicura, pacifica e rispettosa, nell’accettazione delle diversità

·        Fare propria la regola e utilizzarla come strumento per la propria crescita individuale e sociale

·        Saper applicare spontaneamente la regola, precedentemente riconosciuta e sperimentata, in diversi contesti e situazioni della vita quotidiana, il che favorisce l’acquisizione delle competenze Europee di Cittadinanza.

 

OBIETTIVI PER INSEGNANTI

1.     Conoscere e condividere il significato della parola “regola” e le sue caratteristiche:

·        Essere convinti del valore formativo della regola, il cui rispetto serve a porre dei confini per aiutare a riconoscere l’altro e quindi se stesso, garantendo la libertà di ciascuno

·        Riconoscere che una regola è tale quando è chiara, predefinita e prevede una sanzione

·        Essere consapevoli che regole e valori sono due cose diverse e che le prime sono funzionali al raggiungimento dei secondi

 

2.     Mettere in pratica la regola:

·        L’insegnante, figura adulta e autorevole di riferimento, funge da arbitro per l’applicazione della regola e della conseguente sanzione, che è uguale per tutti

·        L’insegnante gestisce, con la giusta attenzione la situazione creatasi, nel rispetto delle diversità di ciascuno

·        L’insegnante deve essere d’esempio con parole e fatti

 

3.     Collaborare con la famiglia:

·        Accordarsi sugli obiettivi educativi

·        Lavorare in parallelo nel rispetto del ruolo di ciascuno e delle regole condivise

 

 

OBIETTIVI PER I GENITORI

 

1.     Conoscere e condividere, all’interno della famiglia, il significato della parola “regola” e le sue caratteristiche:

·        Essere convinti del valore formativo della regola, il cui rispetto serve a porre dei confini per aiutare a riconoscere l’altro e quindi se stesso, garantendo la libertà di ciascuno

·        Riconoscere che una regola è tale quando è chiara, predefinita e prevede una sanzione

·        Riconoscere che l’osservanza della regola per il bambino deve far parte della normale quotidianità e non è un motivo per ricevere un premio

·        Essere consapevoli che regole e valori sono due cose diverse e che le prime sono funzionali al raggiungimento dei secondi

 

2.     Mettere in pratica la regola:

·        I genitori, figure adulte e autorevoli di riferimento all’interno della famiglia, fungono da arbitri per l’applicazione della regola e dell’eventuale conseguente sanzione

·        Riconoscere che ogni componente familiare ha le proprie responsabilità da assumere in prima persona a seconda del ruolo ricoperto, passando anche attraverso eventuali frustrazioni, dimenticanze, non osservanze, insuccessi, nella consapevolezza che sono episodi che aiutano a crescere

·        I genitori devono essere d’esempio con parole e fatti nella vita quotidiana

 

3.     Collaborare con la scuola:

·        Accordarsi sugli obiettivi educativi

·        Lavorare in parallelo nel rispetto del ruolo di ciascuno e delle regole condivise

PROPOSTA PER I GENITORI/FIGLI: stabilire e “portare” a scuola una (una sola!) regola concordata con tra genitori e figli, da condividere con gli altri compagni.

 

 

 

 

 

 

_ - _ -_ - _ -_ - _ -_ - _ -_ - _ -_ - _ -_ - _ -_ - _ -_ - _ -_ - _ -_ - _ -_ - _ -_ - _ -_ - _ -_ - _ -_

 

PROPOSTE PER LA FORMAZIONE:

è Prof. Andrea Ciucci Giuliani (suggerito per le modalità di gestione dei corsi di formazione)

Tematica degli incontri: Educazione alla legalità, che per la scuola primaria si traduce in:

·        Valore della regola

·        Necessità di porre dei limiti

·        I si e i no che fanno crescere

·        Pari dignità tra ruolo genitoriale e insegnante, nel rispetto dei propri ambiti

·        Lasciare che i figli passino anche attraverso delle frustrazioni e degli insuccessi, senza sostituirsi a loro nella soluzione dei problemi quotidiani (un bambino può sbagliare?)

·        Come gestire la provocazione di un bambino che non riconosce il ruolo dell’adulto e lo mette continuamente in discussione

DA FARE INSIEME GENITORI-INSEGNANTI

I nostri partner